Italiano  Inglese

Portale Ufficiale del Turismo della Provincia di Rovigo


2-Ippovie del Polesine
Sei in: Home / Località / Bergantino
Torna all'inizio

Bergantino



Visualizza Bergantino in una mappa di dimensioni maggiori

Bergantino

E’ già affascinante pensare alle diverse storie e leggende legate all’origine del suo nome; dal “brigantinum”, la “piccola nave” usata dagli ostigliesi per solcare il fiume di cui parla Plinio il Vecchio, alla tribù di Celti, noti come “Brigantii”, originariamente stanziati intorno al lago di Costanza, che scendendo in pianura Padana si sarebbero sistemati in questa zona, fino all’ultima proposta, a dire il vero poco attendibile, che riconduce il nome di Bergantino all’espressione greca “brakous anthos” dal poetico significato di “palude fiorita”.

Anche Bergantino vanta una lunga storia; dall’insediamento preistorico in una vasta palude con isolotti e palafitte, alla dominazione romana, fino a quella estense durata oltre 600 anni. Oggi Bergantino è sicuramente uno dei centri più caratteristici dell’alto Polesine, raccolto sotto i possenti argini del Po, centro vitale del cosiddetto “distretto della giostra” specializzato nella costruzione di macchine per Luna Park esportate in tutto il mondo. Accanto a questa realtà imprenditoriale rappresentata da ben 120 aziende, nel comune vive una comunità di spettacolisti itineranti che stagionalmente si spostano portando le loro attrazioni nelle piazze di tutta Italia. La loro storia è ben documentata dal Museo della Giostra e dello Spettacolo Popolare con un viaggio nelle fantastiche e magiche storie delle fiere itineranti dal Medioevo ai giorni nostri. Oltre al settecentesco Palazzo Strozzi che ospita il Museo della Giostra, nella piazza principale sorgono il Castello Diani che da fortificazione medievale fu trasformato in residenza gentilizia e la chiesa arcipretale di S. Giorgio il cui interno è decorato con opere di Lorenzo Costa e Giuseppe Maria Crespi. Per completare la visita di Bergantino è interessante salire sull’argine del Po ad ammirare una delle golene più grandi del fiume: con un’estensione di 23 ettari è una piccola Amazzonia che offre rifugio a molte varietà di uccelli e anfibi. La ricchezza e l’evoluzione biologica di questo delicato ecosistema è illustrata nel Centro Ambientale del Territorio attraverso una serie di diorami e ricostruzioni ambientali.

 

Turismo Congressuale

Booking Online

Slow Tourism

Slow Tourism

Motor

Adria Interbike