Italiano  Inglese

Portale Ufficiale del Turismo della Provincia di Rovigo


16-Valli nel Delta del Po
Sei in: Home / Ambiente e Natura / Fiumi / Po
Torna all'inizio

Po

Il fiume Po - CrespinoIl Po con i suoi 652 chilometri è il fiume più lungo d’Italia e attraversa tutta la Pianura Padana fino al mare Adriatico, dove sfocia a delta tra Porto Levante a nord in provincia di Rovigo e la Sacca di Goro, a sud in provincia di Ferrara, dando vita ad una delle più vaste zone umide d’Europa e del Mediterraneo. Il suo delta è di 380 chilometri quadrati e si dirama in cinque bocche: Po di Maistra, Po della Pila, Po di Tolle, Po della Gnocca, Po di Goro.

I mutamenti nel corso del fiume a causa di piene, magre, rotte ed alluvioni hanno fortemente modificato la fisionomia del territorio dall’antichità fino ad oggi; in tempi antichi il corso del Po si trovava più a sud rispetto a quello attuale, nelle vicinanze di Ravenna e Comacchio.

Nel dodicesimo secolo si verificarono una serie di rotte; la più disastrosa fu quella di Ficarolo attorno al 1152, in seguito alla quale il fiuIl Fiume Po - Porto Virome si incanalò verso nord in un solo alveo. Seguirono altri eventi ed alluvioni; la più importante dei tempi moderni, della quale ancora oggi rimane traccia nei ruderi abbandonati alle acque e nella memoria delle persone più anziane, è la grande alluvione del 1951, quando l’acqua del Po sommerse paesi, case, persone e campagne, lasciando ovunque desolazione e miseria.

Evento decisivo per il corso del Grande Fiume fu il Taglio di Porto Viro del 1600-1604: i veneziani scavarono nel giro di quattro anni un canale artificiale, ora letto attuale. Il vecchio alveo divenne un canale navigabile (Canal Bianco Po di Levante) ed ebbe inizio la formazione del Delta moderno. Nei primi anni del ‘900 fu costruita l’idrovora di Ca’ Vendramin che diede impulso alle grandi opere di bonifica, grazie alle quali vaste aree di acquitrini furono trasformate in fertili campagne.

Il Delta attuale è sotto il livello del mare ma esiste un complesso sistema di idrovore, controllate dal Consorzio di Bonifica Delta Po Adige, che sollevano un miliardo di metri cubi di acqua all’anno e le convogliano nei canali di scolo.
La velocità di accrescimento del territorio del Delta Veneto nel giro di 350 anni è stata di sette chilometri ogni secolo.

Qui abbiamo citato solo gli eventi più eclatanti, abbiamo sintetizzato una storia lunghissima, di migliaia di anni. Quello che ci interessa però trasmettere è il senso, lo spirito che caratterizza questa terra dominata dal Po: il fatto che qui il fiume è una presenza fortissima che desta stupore e ammirazione, che anima il territorio e lo rende un posto speciale, unico. Un posto che per essere capito appieno deve essere percorso sugli argini – gli argini enormi ed imponenti costruiti per contenere le acque – tra i canali e i canneti del Delta, nelle ampie e bellissime golene, nei Musei che ripercorrono la sua storia. Per fare una esperienza che ha l’ambizione di non essere solo “turistica”, ma anche estetica e culturale; una esperienza a 360° che vale la pena di vivere e ricordare.

 

Booking Online

Slow Tourism

Slow Tourism

Motor

Adria Interbike